Un ragazzo infernale!

Hellboy (2019), interpretato da David Harbour, è la rivisitazione del grande supereroe demoniaco per la regia Neil Marshall, il regista che aveva firmato Dog Soldiers e The Descent – Discesa nelle tenebre.

Questo reboot punta decisamente sull’horror e sullo splatter dall’inizio alla fine, quando un personaggio immortale viene fatto a pezzi,  con scene micidiali che durante la lottai tra Hellboy e i suoi nemici, tra smembramenti e decapitazioni e persino un in città da parte di mostruosi ed enormi esseri infernali tornate in superficie perché evocate dal male.

Sul piano iconografico Hellboy riprende i fumetti di Mike Mignola (che tra l’altro firma la sceneggiatura di questo sequel cinematografico). Decisamente un bel cambio di toni da parte di Neil Marshall rispetto le versioni passate: qui c’è tanta voglia di divertirsi ed esagerare. Chi cerca raffinate atmosfere cupe lovecraftiane si ritrova davanti a situazioni mozzafiato e incalzanti, più da wargame.

Hellboy ( però non è solo splatter orrorifico, ma è un horror movie ricco di ironia e umorismo, tale da ammorbidire l’incalzare brutale delle scene di sangue e morte. Sarcastico e strafottente, il demone cacciatore è un personaggio che si fa amare sin da subito e che riesce a rubare più di un sorriso. Tra il guest star segnaliamo la sempre in forma Milla Jovovich, che interpreta la Strega del Sangue e Troy James nel ruolo della strega Baba Yaga.

 

Lascia un commento