Pet Sematary, il ritorno dalla morte secondo Stephen King

Il sottotitolo recita: “basato su un romanzo di Stephen King”. E infatti la trasposizione di Pet Sematary non è fedele, ma la paura è assicurata. Il bello di Stephen King è che le sue opere possono essere soggette ad adattamenti che talvolta sul piano cinematografico le migliorano. E’ il caso di Pet Sematary il film.

Era il 1979 e il futuro scrittore horror più celebre del mondo si trovò ad affrontare un momento difficile della sua vita di padre: spiegare a un figlio piccolo cosa significhi davvero morire. Dalla morte dell’animale domestico di casa e dal tentativo di addolcire la separazione definitiva con un piccolo funerale e una sepoltura nacque un’idea che avrebbe frullato nella testa di King fino a realizzare il romanzo che King stesso ritiene essere il più spaventoso della sua produzione letteraria: Pet Sematary.

Ambientato nel Maine, sin dall’inizio nel movie Pet Sematary si comprende la distanza di prospettive dal primo adattamento del 1989, invecchiato sotto molti profili. I tratti innovativi, non riguadano solo e tanto il look tipicamente anni ’80, ma nell’essere orrorifico sin dall’inzio, mentre nella versione precedente la piega horror iniziava dopo la morte di un piccolo protagonista a quattro zampe.

Il tema dominante che fa da sfondo alla trama e agli accadimenti che la compongono è un leit motiv una mai trascurato dal cinema in generale: quanto sia difficile per noi umani rassegnarsi alla morte, alla scomparsa definitiva di un proprio caro, soprattutto se si conosce un modo per rendere possibile un “ritorno”. Il ritorno dalla morte è un tema che abbiamo visto presente nella letteratura sin dal mostro di Frankestein. E le sue declinazioni orrorifiche anche con tratti humor come “I morti non muoiono” di Jim Jarmusch (già trattato qui), ormai non si contano più. A questo però in Pet Sematary, si aggiunge l’orrore del contrasto mostr/bambino, terrore e innocenza, anche questo un tema ricorrente nell’intera letteratura horror e del cinema.

il Film

il romanzo

Lascia un commento